tre passi

Vorrei scrivere qualcosa che esula un po’ dall’ argomento che riguarda il mio blog, anche se, a pensarci bene non é poi così distante. Ieri mi é accaduto che nell’ arco di una giornata ho avuto notizie, o sentito, o parlato con i tre ragazzi più importanti della mia vita, quelli che hanno segnato le tappe più importanti.

Lo strano è che li ho “incontrati” in senso inverso alla naturale successione delle storie che ho avuto con loro. Il primo che ho sentito è stato infatti l’ ultimo con il quale sono stata per quasi 10 lunghi anni,  e con il quale mi ero sposata, aihmè. Mi ha svegliato con una telefonata alle 8 di domenica mattina per avere il numero di telefono di mia sorella che fa la veterinaria, perché il suo cagnolino stava male. Il secondo, che ho incontrato, é quello con il quale ho avuto la prima storia seria a 17 anni. Ci siamo trovati con i nostri bambini in centro, casualmente, per farli montare sulla slitta di Babbo Natale. E il terzo, di cui ho solo avuto notizie da una amica, é quello al quale ho dato il primo bacio. Praticamente questa amica lo conosce tramite le loro bimbe, e parlando é venuto fuori che mi conosceva, così lei mi ha chiamato per dirmelo e portarmi i suoi saluti.

Il primo bacio, la prima storia seria, il matrimonio.

Non vi sembra strano??? Faccio sempre l’ errore di voler caricare di significati le cose che mi accadono, ma non posso farne a meno, sono fatta così. Le persone che incontriamo nella vita non si incontrano casualmente, sono convinta del fatto che le scegliamo, anche se inconsciamente. Le vite delle persone si intrecciano e si contaminano, anche solo per un secondo, basta una parola detta in un certo modo e quella persona la ricorderai per tutta la vita. Figuriamoci quanto è importante e quanto ci influenzano le persone che condividono con noi tratti di vita, più o meno lunghi.

Non saprei dire il motivo che mi spinse in passato ad incontrare questi tre ragazzi, ma posso dire che alla fine di  ogni storia mi ritrovavo più ricca, più consapevole, e che ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa che ancora mi porto dentro. Inevitabilmente, incontrandoli, ho ripensato alla storia che fu….mi sono ritrovata a ripensare alla mia vita, a quello che facevo, non solo nelle storie in sé, ma proprio come vita in generale, e ti rendi conto di quanto sia duro e difficile crescere, lottare ogni giorno per vivere e diventare la persona che vuoi essere…Penso a me, adesso, e mi rendo conto che strada ne ho fatta tanta, e che tanta ancora ne devo fare, almeno lo spero…

Forse il motivo di tutto questo è proprio riflettere, per apprezzare gli attimi di vita che ho avuto la fortuna di vivere, e ringraziare coloro che, dolenti o volenti, hanno contribuito a costruire ciò che sono adesso…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...